Il dolore dietro il sorriso: la storia – testimonianza di Michelle Hunziker

Home   /   Il dolore dietro il sorriso: la storia – testimonianza di Michelle Hunziker

La conosciamo e l’abbiamo imparata ad amare come una dei personaggi della tv più solari e positivi di sempre. Parliamo della biondissima e bellissima Michelle Hunzikeranchorwoman di Striscia la Notizia e volto di famiglia per gli italiani.

Eppure, dietro quel sorriso e quella bellezza, si nasconde una storia difficile, dura, incredibilmente dura. A distanza di anni, Michelle decide di condividerla, affinché sia da esempio al resto del mondo. Parliamo di come la Hunziker è finita in una setta, e la fatica che ha fatto per uscirne, grazie all’amore.

Tutti conoscono Michelle Hunziker per il senso dell’umorismo, l’autoironia, i lunghi capelli biondi e il sorriso sfolgorante. Eppure c’è stato un tempo in cui quel sorriso era la più luminosa delle maschere, indossato per nascondere le fragilità di una ragazza di poco più di vent’anni.

Proprio nel momento più buio della sua esistenza avviene l’incontro destinato a cambiarla. Lei è una donna accogliente, materna, empatica, capace di intercettare negli altri le debolezze e le crepe di cui forse nemmeno sono consapevoli: proprio per questo, una formidabile manipolatrice.

La mela rossa con la quale seduce Michelle ha il sapore dolce della comprensione profonda, dell’ascolto privo di giudizio. Dopo di che, la puniva abbandonandola, impedendole ogni tipo di contatto con lei e con gli altri membri della setta, “perché prima di tornare tra noi devi purificarti”.

Con la speranza che condividere la sua esperienza possa aiutare chi ne sta vivendo una simile, Michelle racconta i quattro anni trascorsi in una setta: i ricatti, le privazioni, il controllo costante, la progressiva perdita dell’indipendenza, la paura di rimanervi invischiata per sempre e il terrore alla sola idea di venirne fuori. Fino a quando ha trovato la forza di uscirne. Grazie all’amore.

Non è un mistero la sensibilità di Michelle Hunziker su determinati temi, si veda l’associazione a tutela delle donne fondata con l’avvocato Giulia Buongiorno. Il ritratto di una donna che non si nasconde affinché ciò che è capitato a lei non accada ad altre è in “Una vita apparentemente perfetta“, che trovate su Oceanon.