Le malattie letterarie in un compendio immancabile per riderci su

Home   /   Le malattie letterarie in un compendio immancabile per riderci su

Avete mai sentito parlare della Bukowskite? Sindrome immaginaria, riguarda il sentirsi scrittori dopo aver esagerato con l’alcol. Parliamo di una delle tanti patologie letterarie narrate in “Piccolo dizionario delle malattie letterarie” di Marco Rossari (edizioni Italo Svevo, in vendita su Oceanon Marketplace al prezzo di 15,00 euro e disponibile per l’acquisto con Carta Docente e 18app).

In tempi di Coronavirus, questa sorta di bignami arricchito di sindromi immaginarie è un ottimo antidoto per il buonumore.

Così tra riflessione e sarcasmo, il lettore cannibale non si prende troppo sul serio mentre vola leggero su malattie immaginarie ma non troppo, come la sindrome di Camilleri o il Tic di Baricco. Con tanto di cure suggerite. Il regalo perfetto per un amico bibliofilo.

“La letteratura è un male, non c’è dubbio. Il guaio è che, su di un piano terapeutico, è essa stessa l’unico rimedio conosciuto per poter curare tanta afflizione. Per questo motivo il “dizionario medico” qui raccolto, nasconde in sé anche lo strumento utile a chi volesse tentare una qualche terapia: prendendo il tutto con un po’ di distanza, cioè con l’occhio clinico dell’ironia e l’attenzione medica del sarcasmo, dovrebbe facilitare l’utilizzo di tutto ciò che ha una qualche forma scritta e che per questo rischia, sempre di più, di degenerare”.

Sinossi